La sottosegretaria all’istruzione: “Guardare anche al benessere psicofisico e la sfera relazionale”

La sottosegretaria all’Istruzione Barbara Floridia su Facebook posta un suo punto di vista sulla scuola. Invita i presidenti di Regione a non chiudere a tutti i costi le scuole se non  in zona rossa.

“Il variare del virus si – legge –  ha spinto gli esperti a raccomandare la chiusura di tutte le scuole nelle zone rosse e, anche se a fatica, lo dobbiamo accettare ma non possiamo accettare che i presidenti di regione abusino della facoltà che gli viene data di chiudere le scuole anche in altre aree che dovessero essere particolarmente a rischio.DEVONO limitarsi a casi estremi“.

Secondo Floridia, “la salute dei nostri giovani non consiste solo nel proteggerli dal virus ma la loro salute consiste anche nel loro benessere psicofisico e nella possibilità di sviluppare, in modo sano, la sfera relazionale” e tira in ballo la questione hikkimori, rilevando che “sono sempre più numerosi“, come anche “numerosi sono anche i ragazzi che cominciano a manifestare disturbi alimentari, dell’apprendimento e del comportamento. E le misure vanno assunte con responsabilità e nella totale comprensione delle conseguenze che portano con sé“.

Lle scuole, quindi, devono essere gli ultimi spazi di vita sociale a chiudere! E devono chiudere solo se anche tutto il resto è chiuso“.

La sottosegretaria all’Istruzione conclude:  Non ci sono soluzioni facili e veloci, come le chiusure. Ci sono solo soluzioni difficili e lente e sono quelle giuste, come tenere le scuole aperte (luoghi sicuri) e fare in modo che tutto il resto intorno alle scuole funzioni!“.

FONTE: oggiscuola